i PREFABBRICATI solo APPOGGIATI a terra sono da accatastare?

Ultimo Aggiornamento:


Gli edifici prefabbricati solo appoggiati a terra sono da accatastare o no?

PANORAMICA

Stai pensando di acquistare una casa singola o di realizzarne una sul tuo lotto di terra?

Hai cercato informazioni in rete e ti sei imbattuto in alcuni siti che ti hanno proposto case prefabbricate o case in legno senza necessità di autorizzazioni?

Ti rivelo subito un segreto: quasi nulla è realizzabile senza autorizzazioni.

Gli edifici prefabbricati di (più o meno) modeste dimensioni, solo appoggiati a terra e senza basamento, sono da accatastare o no?

Ci viene in aiuto e ci ricorda quali sono le regole in queste occasioni la risposta 372 del 2019 dell’Agenzia delle Entrate.

Il documento risponde alla richiesta di chiarimento sull’obbligo o meno di accatastare degli stabilimenti balneari che presentano particolari caratteristiche.

Caratteristiche che non rientrano all’interno delle tipologie indicate nella circolare del 4 marzo 2008 , circolare congiunta del Ministero dei Trasporti, dell’Agenzia del Demanio e dell’Agenzia del Territorio.

In sostanza alcuni stabilimenti risultano realizzati soltanto appoggiati a terra senza uno stabile basamento, senza una fondazione e quindi il richiedente sostiene che non devono essere accatastati.

E’ un caso esempio che ci fa gioco e mi permette di chiarirti la situazione.

REMINDERS

Prima però voglio ricordarti le mie solite tre info su dove puoi trovare i miei contenuti.

Iscrivendoti a YouTube  al Podcast  e al Sito  non perderai i video, gli audio e gli articoli inerenti agli argomenti che pubblico settimanalmente.

In particolare se ti iscriverai alla newsletter  del sito riceverai via email il link all’articolo, nel quale sono anche riportati i link dei video e degli audio relativi.

Un altro modo per non perdere gli aggiornamenti è iscriverti al canale Telegram.

In ultimo voglio ricordarti che ho attivato un link PayPal  attraverso il quale potrai contribuire alla produzione dei contenuti, donando quanto vuoi.

IL CASO DEGLI STABILIMENTI BALNEARI

La circolare del 4 marzo 2008, che ho appena citato, ha fornito indicazioni sulle tipologie per le quali è obbligatorio l’accatastamento.

Nel caso specifico si parlava di stabilimenti balneari su aree demaniali.
Le tipologie elencate sono tre:
1)le costruzioni in muratura con solaio in cemento armato;
2)le costruzioni in muratura con solaio prefabbricato appoggiate su una soletta di cemento armato;
3)le strutture prefabbricate appoggiate su piattaforma in cemento armato (incernierate o affogate).

In base a queste indicazioni l’associazione che ha sollevato il quesito riteneva di non dover accatastare quegli stabilimenti balneari che erano solo appoggiati e senza una piattaforma.

QUANDO E’ OBBLIGATORIO ACCATASTARE UN IMMOBILE?

L’Agenzia delle Entrate in risposta ha riepilogato la normativa in merito che ti riassumo.

Prima di tutto c’è da chiarire quali sono le opere riconducibili a “unità immobiliari” e quindi con l’obbligo di accatastamento.

L’articolo 4 del Regio Decreto del 1939, il numero 652, indica come immobili urbani: tutti i fabbricati e le costruzioni stabili di qualunque materiale, compresi gli edifici sospesi o galleggianti stabilmente assicurati al suolo.

L’articolo 5 dello stesso Decreto, poi precisato e integrato dall’articolo 40 del DPR 1142 del 1949 e dal Decreto del Ministero delle Finanze 28 del 1998, spiega cosa si intende per “unità immobiliare”:

“L’unita’ immobiliare e’ costituita da una porzione di fabbricato, o da un
fabbricato, o da un insieme di fabbricati ovvero da un’area, che, nello stato
in cui si trova e secondo l’uso locale, presenta potenzialita’ di autonomia
funzionale e reddituale.”

Quello che ti interessa maggiormente però, legato all’argomento di questo articolo, è che vengono ritenute “unità immobiliari” anche quei prefabbricati semplicemente appoggiati al suolo, quando questi siano stabili nel tempo e che presentino autonomia funzionale e reddituale.

E’ OBBLIGATORIO O NO ACCATASTARE MANUFATTI SOLO APPOGGIATI?

L’Agenzia precisa che le indicazioni riportate all’interno della circolare inerente alle tipologie degli stabilimenti balneari (2592 del 04 marzo 2008) non modificano gli obblighi delle norme vigenti, che ti ho appena riassunto.

Il fatto che la circolare non citi altre tipologie non significa che le escluda dall’obbligo di accatastamento.

Applicando per trasposizione la regola non solo agli stabilimenti balneari, ma anche agli edifici realizzati su suolo privato, in caso di manufatti semplicemente appoggiati a terra è obbligatoria la dichiarazione in catasto.

Resta comunque necessario a monte il titolo abilitativo che autorizza la costruzione dell’edificio.

Non farti illudere da proposte ingannevoli di venditori scaltri.

Quasi nulla e realizzabile senza autorizzazioni.

A presto.

____________________________

iscriviti e scarica il modello dell'autocertificazione per le detrazioni fiscali dei lavori edili

grazie

Danilo Torresi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *