SUPERBONUS 110 fotovoltaico su pertinenze e sulla corte dell’edificio


Puoi agevolare col Superbonus 110% la spesa per l’impianto fotovoltaico se lo installi sulle pertinenze o sulla corte del fabbricato oggetto di intervento?


PANORAMICA

Uno degli interventi trainanti che può essere agevolato con il Superbonus è l’impianto fotovoltaico.

Impianto fotovoltaico che abbinato ad altri interventi di efficientamento energetico o antisismici è uno dei migliori metodi per produrre energia elettrica da fonti rinnovabili.

Solitamente viene installato sul tetto, per questioni di praticità e di miglior esposizione, ma a volte è necessario posizionarlo altrove.

Nell’interpello di cui ti parlo oggi, il 171 del 2021 l’Agenzia delle Entrate risponde al quesito del titolare di un’abitazione, il quale teme che posizionare l’impianto a terra faccia perdere l’agevolazione.

Agevolazione che ti ricordo è stata introdotta dall’art. 119 del Decreto Rilancio, dello scorso anno (2020) e che permette di agevolare le spese di alcuni specifici interventi con l’aliquota straordinaria del 110%.

Interventi che sono quelli di riqualificazione energetica (Ecobonus) e antisismici (Sismabonus) le cui spese riconosciute sono quelle sostenute dal 01 luglio 2020 al 30 giugno 2022 o il 31 dicembre 2022 (dipende da chi è il soggetto beneficiario).

I lavori vengono distinti in trainanti e trainati dove i primi sono necessari per accedere all’agevolazione, i secondi fruiscono del bonus solo se eseguiti congiuntamente ai primi.

I trainanti (o principali) sono:
-l’isolamento termico delle superfici opache dell’involucro riscaldato per un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda;
-la sostituzione dell’impianto di riscaldamento (autonomo o centralizzato dipende dalla tipologia di edificio);
-gli interventi antisismici.

Il credito maturato puoi detrarlo direttamente in 5 anni (4 per le spese del 2022) o puoi optare in alternativa per la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Come trainato ad interventi di riqualificazione energetica di un edificio unifamiliare, il proprietario ha deciso di realizzare il sistema fotovoltaico posizionandolo a terra.

È possibile agevolare la spesa col Superbonus 110% anche se non è installato sul tetto dell’edificio oggetto di intervento?

REMINDERS

Intanto ti invito ad iscriverti al Canale YouTube “Geometra Danilo Torresi” e ad attivare le notifiche, così riceverai l’avviso quando pubblicherò un nuovo video.

Abbonati al Canale potrai accedere ai  video riservati in anteprima esclusivamente agli abbonati.

Iscriviti al Podcast così potrai ascoltare gli audio dei video in modo più pratico.

Iscriviti alla Newsletter del Sito così riceverai l’avviso quando pubblicherò un nuovo articolo e nell’email troverai i link per scaricare i modelli che ho messo a disposizione.

Infine iscriviti al canale Telegram e ad Instagram.

Per concludere i Reminders ricorda sempre che i miei contenuti sono consigli opinioni personali, che non sostituiscono lo studio specifico dei documenti e dello stato dei luoghi da parte di un professionista, sempre necessario in ogni caso.

L’IMPIANTO FOTOVOLTAICO A TERRA

Il Superbonus si applica anche alle spese sostenute per l’installazione di impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica per la cessione dell’energia non auto-consumata.

Se installate contestualmente o successivamente possono essere agevolate anche le batterie di accumulo.

Per accedere al 110% come trainato, il fotovoltaico deve comportare, insieme a tutti gli altri interventi Ecobonus, un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio.

Il limite di spesa è di 2.400 euro per ogni Kw di potenza nominale (1.600 euro nel caso l’intervento si configuri come ristrutturazione edilizia) per un totale massimo di 48.000 euro.

L’Agenzia per rispondere al dubbio su dove poter installare l’impianto per non perdere l’agevolazione, cita la circolare 30/E del 2020 nella quale è stato chiarito che il fotovoltaico può essere anche installato:
-sulle parti comuni in condominio;
-sulle singole unità in condominio;
-sulle unifamiliari o le unità funzionalmente indipendenti.

Inoltre può essere installato sulle pertinenze degli edifici oggetto di intervento ed è tutto qui il punto.
L’agevolazione spetta anche se l’impianto viene realizzato su un’area pertinenziale dell’edificio.

Perciò se posizioni il fotovoltaico sulla corte del fabbricato che stai riqualificando energeticamente o ristrutturando, potrai accedere al Superbonus per la spesa che sosterrai.

A presto

grazie

Danilo Torresi

Vuoi ristrutturare la tua casa?
Qui trovi le informazioni che ti servono.

Iscriviti e scarica i modelli che ho messo a disposizione.

2 pensieri su “SUPERBONUS 110 fotovoltaico su pertinenze e sulla corte dell’edificio”

  1. vorrei chiedere una cosa a riguardo del fotovoltaico installato sulla pertinenza…..nel mio caso abitazione con permesso di ristrutturazione valido dal 2019 solo sul abitazione…ora chiesto scia per 110 per isolare tetto e fare cappotto….contestualmente metterei 10kw di fotovoltaico sulla pertinenza (garage staccato dal abitazione) in questo caso il conteggio del contributo puo’ essere di 2400 euro a kw o deve essere di 1600 anche se la pertinenza non ha lavori di ristrutturazione??
    grazie

    1. Ciao Sandro. Se il fotovoltaico lo agevoli in forza dell’intervento di ristrutturazione, a mio parere vanno considerati i 1.600 euro. Indipendentemente da dove viene installato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivio Articoli

Categorie

VIDEO ESCLUSIVI CASI PRATICI

Seguimi anche su

Gli ultimi Articoli

RSS Gli ultimi Podcast