RISTRUTTURAZIONE del BAGNO – Posso Detrarre la Spesa?

Voglio ristrutturare il bagno, posso detrarre la spesa?

 

PREMESSA

In questo breve articolo voglio chiarire la questione “detrazione fiscale” quando si intende ristrutturare un bagno.

Questa è una di quelle situazioni limite, nella quale non si è mai ben sicuri se ci si rientri o meno.

Come ho già spiegato nell’articolo “Guida RISTRUTTURAZIONE Casa DETRAZIONE Fiscale 2019” nel quale parlo di detrazioni fiscali per la ristrutturazione della casa, ci sono delle categorie specifiche nelle quali rientrano gli interventi che possono essere detratti ai fini fiscali.

Sto parlando delle ristrutturazioni delle singole unità abitative e non delle parti comuni.

ACCENNO AGLI INTERVENTI DETRAIBILI

Gli interventi che ricadono nell’ambito di:
-manutenzione straordinaria,
-restauro e risanamento conservativo,
-ristrutturazione,

sono detraibili.

Mentre gli interventi di manutenzione ordinaria che ricadono in “attività edilizia libera” non lo sono.

IL TIPO DI INTERVENTO

Fatto questo parziale riassunto delle norme generali, andiamo a vedere come viene trattata la situazione ristrutturazione del bagno.

Nella guida dell’Agenzia delle Entrate si parla testualmente di “realizzazione e miglioramento dei servizi igienici”.

Intervento che ricade nell’ambito di manutenzione straordinaria e quindi detraibile.

SEMPLICE “AMMODERNAMENTO” DEL BAGNO

Bisogna però precisare che le sole opere di sostituzione del pavimento o del rivestimento, dell’intonaco o la tinteggiatura, non sono sufficienti per poter accedere ai bonus.

Infatti un semplice intervento di “ammodernamento” del bagno si configura come manutenzione ordinaria e quindi non detraibile.

RISTRUTTURAZIONE DEL BAGNO

Mentre se la ristrutturazione è importante e per esempio riguarda il rifacimento dei massetti, degli impianti idraulici, insomma una consistente ristrutturazione del bagno, allora l’opera si configura come manutenzione straordinaria e quindi prevista nelle agevolazioni fiscali del 50%.

E’ ovvio in questo caso, ma mi preme sottolinearlo, che gli interventi che abbiamo chiamato di semplice “ammodernamento”, rientrando in un intervento più ampio sono anch’essi detraibili.
Insomma quando le opere di manutenzione ordinaria fanno parte di un lavoro più esteso, allora possono essere detratte.

NECESSARIA LA PRESENTAZIONE DELLA CILA IN COMUNE

Importante: quando un’opera come quella che abbiamo trattato, ricade in manutenzione straordinaria, è necessaria la presentazione di una CILA in Comune.

Quindi incaricate un tecnico (Geometra, Architetto, Ingegnere, non importa) che penserà alla pratica in questione e che vi saprà inoltre dare indicazioni su ciò che riguarda gli adempimenti sulla sicurezza nei cantieri.

Ma questo ne parlerò in un altro articolo.

____________________________

Ti interessa il mondo degli immobili? Iscriviti ora e riceverai GRATIS le pubblicazioni via email
Iscriviti al mio canale YouTube.
Ascolta il Podcast dei video
Unisciti al Canale Telegram e resta aggiornato sugli argomenti che tratto.
Se hai delle domande o vuoi fare delle integrazioni, lascia un commento qui sotto.
Oppure mandami un messaggio diretto dal modulo contatti.
Sono anche su: Facebook Instagram –  TwitterLinkedin.
●Se vuoi supportare il sito e fai acquisti su Amazon.it usa questo link , non spenderai un euro in più, ma darai un contributo alla produzione dei contenuti.
●Se vuoi invece fare una donazione puoi usare PayPal  con questo link: paypal.me/GeometraTorresi

grazie

Danilo Torresi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *