SISMABONUS con PERMESSO DI COSTRUIRE o SCIA: nuove regole e come funziona per la detrazione 2020

Ultimo Aggiornamento:


È possibile usufruire delle agevolazioni connesse al Sismabonus se le opere sono state autorizzate con “Permesso di Costruire”?

PANORAMICA

Con il Decreto Ministeriale 24 del 2020 pubblicato di recente sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT), vengono aggiornate le linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni che erano in vigore dal 2017.

In sostanza sono state pubblicate le nuove regole che permettono di accedere al Sismabonus e che chiariscono definitivamente la questione “Permesso di Costruire” contro SCIA, e tempistiche su la consegna dell’asseverazione.

I dubbi, nonostante tutti i chiarimenti che sono intervenuti nel tempo da parte dell’Agenzia delle Entrate, erano incentrati sul poter o non poter utilizzare come titolo abilitativo il “Permesso di Costruire”, e sulle tempistiche di presentazione dell’asseverazione necessaria per accedere al Sismabonus.

Se intendi fare dei lavori di miglioramento sismico, di riduzione del rischio sismico, potresti essere obbligato a dover utilizzare il “Permesso di Costruire” invece che la SCIA per autorizzare l’intervento.

Ad esempio, nei casi di demolizione totale e ricostruzione del fabbricato, che è una delle soluzioni progettuali ottimali (talvolta obbligata) per ristrutturare un edificio esistente e che è ammessa alle agevolazioni fiscali del Sismabonus, spesso devi utilizzare esclusivamente il “Permesso di Costruire”.

“Permesso di Costruire” che non è indicato nella normativa del 2017.

In sostanza le domande alle quali il DM 24 del 2020 risponde sono:

1) è detraibile con il Sismabonus un intervento autorizzato con “Permesso di Costruire”? O posso utilizzare solo la Segnalazione Certificata di Inizio Attività?

2) L’asseverazione del tecnico quando deve essere allegata visto che il “Permesso di Costruire” ha un iter differente rispetto alla SCIA?

3) Le regole per accedere al Sismabonus sono le stesse o sono cambiate?

Risponderò tra breve ai quesiti.

REMINDERS

intanto ti invito ad iscriverti al canale YouTube se non l’hai già fatto, al Podcast dove potrai ascoltare gli audio dei video e al Sito così non perderai le nuove pubblicazioni.

Nella Newsletter che riceverai dopo l’iscrizione al sito, oltre alla comunicazione via email ad ogni nuovo episodio, troverai i link per scaricare i modelli che ho messo a disposizione.

Sono modelli e dichiarazioni utili per chi ha a che fare con le ristrutturazioni, ma anche altro materiale che integrerò man mano nel corso del tempo.

Terrò tutto a disposizione fino al raggiungimento dei 10.000 iscritti al canale YouTube, poi li toglierò.

Se ti piace leggere ho aperto un nuovo sito qualilibrileggere.com, dove pubblico i riassunti e le relazioni dei libri che leggo.

Infine iscriviti al canale Telegram e trovami nei vari social (Facebook, Instagram, Linkedin ).

PERMESSO DI COSTRUIRE O SCIA?

Entriamo quindi nell’argomento di oggi e vediamo il primo dei dubbi che spesso ha chi vuole usufruire del Sismabonus.

Devi utilizzare la SCIA o puoi anche utilizzare il “Permesso di Costruire”?

I Decreti Ministeriali del 2017 (il DM 58 del 28 febbraio 2017e il DM 65 del 7 marzo 2017) nell’articolo 3 citavano solamente la Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

Ovviamente, sia i tecnici che i committenti con esperienza nel campo delle costruzioni, sanno benissimo che tra i titoli abilitativi c’è anche il “Permesso di Costruire”.

“Permesso di Costruire” che è il più “importante” titolo e viene utilizzato per autorizzare opere più consistenti tra cui le ristrutturazioni edilizie pesanti che spesso comprendono anche le demolizioni e ricostruzioni.

Se volessimo fare una classifica in ordine crescente dei titoli abilitativi in base alla complessità degli interventi sarebbe:

1) la CILA è la pratica che permette opere più superficiali, che non variano la sostanza dell’immobile. Solitamente utilizzata per le opere di “manutenzione straordinaria” minori.

2) la SCIA autorizza invece opere e modifiche più importanti, interventi strutturali, restauri e ristrutturazioni edilizie. Il più versatile tra i titoli.

3) il “Permesso di Costruire” invece permette le nuove costruzioni, le ristrutturazioni urbanistiche, gli ampliamenti e le ristrutturazioni edilizie anche con cambi di destinazione e modifiche alla sagoma.

In merito a cosa è autorizzabile con la SCIA e cosa invece con il “Permesso di Costruire”, sono le regioni a decidere, perciò l’utilizzo dell’uno o dell’altra dipende dal Comune nel quale è ubicato il tuo immobile.

Come ripeto spesso, ogni caso va valutato a sé.

Tra gli interventi per i quali nella maggior parte dei casi è necessario il “Permesso di Costruire”, c’è la demolizione e la ricostruzione dell’edificio.

Demolizione ricostruzione riconosciuto come intervento agevolabile col Sismabonus.

La domanda è: se la norma citava solo la SCIA, in caso di “Permesso di Costruire” perderei l’agevolazione?

LA DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Prima di vedere cosa chiarifica il DM del 2020, vediamo quali tipi di demolizioni e ricostruzioni ti consentono di accedere al Sismabonus.

L’Agenzia delle Entrate rispondendo ad alcuni interpelli nel corso del tempo tra il 2018 e 2019:

-il 31 del 2018;
-il 131 sempre del 2018;
-il 64 del 2019,
chiarisce le tempistiche per l’asseverazione, che vedremo tra breve, e se e quali interventi di demolizione e ricostruzione sono riconosciuti.

PER APPROFONDIRE:
SISMA BONUS 2019 – SPOSTARE e AMPLIARE il Fabbricato, è possibile detrarre?

Asseverazione del Tecnico Tardiva – Cosa succede al Sisma Bonus?

UNA PRECISAZIONE

A proposito dell’episodio “SISMA BONUS 2019 – SPOSTARE e AMPLIARE il Fabbricato, è possibile detrarre?”, volevo fare una precisazione sul video collegato.

Verso la fine ho suggerito di fatturare separatamente gli interventi che andavano in ampliamento e quelli che riguardavano la parte preesistente.

Erroneamente ho trasmesso il concetto che fosse consentito ampliare un edificio con demolizione ricostruzione e contemporaneamente usufruire del Sismabonus.

L’ampliamento volumetrico, che non sia strettamente legato a necessità tecnico strutturali, fa perdere l’agevolazione.

Anche se fattibile dal punto di vista urbanistico.

Quindi se vuoi ristrutturare demolendo e ricostruendo il fabbricato e vuoi usufruire delle agevolazioni connesse dal Sismabonus, non ci devono essere aumenti volumetrici.

Continuando sulla demolizione e ricostruzione

Riassumendo e tornando ai contenuti degli interpelli che ho citato prima:

-si conferma che gli interventi di demolizione e ricostruzione sono compresi all’interno della categoria “ristrutturazione edilizia” e quindi agevolabili con il Sismabonus;

-l’intervento deve essere di demolizione e fedele ricostruzione, senza aumento di volume, ad esclusione delle sole innovazioni tecniche necessarie per adeguarsi alle norme antisismiche;

-deve risultare dal titolo abilitativo che si tratta di una “ristrutturazione edilizia” e non un intervento di “nuova costruzione”;

-è consentito, se necessario, spostare lievemente l’ubicazione del fabbricato;
-è consentita anche la modifica della sagoma, solo per i fabbricati però che non sono vincolati.

Oltre questo elenco dei punti particolari contenuti nelle risposte dell’Agenzia, devono ovviamente essere rispettate tutte le altre regole del Sismabonus.

Tra le più importanti:

-l’obbligo che l’edificio sia ubicato in una delle tre zone sismiche riconosciute, la 1 la 2 e la 3;
-l’intervento deve comportare una riduzione del rischio sismico.

La riduzione della classe di rischio deve essere attestata dall’asseverazione fatta dal progettista strutturale.

Quindi risulta chiaro che le demolizioni e le fedeli ricostruzioni sono tra gli interventi agevolabili.

Autorizzabili spesso, solo con il “Permesso di Costruire”, non annoverato nel Decreto del 2017.

Inoltre resta un ulteriore dubbio. L’asseverazione quando va consegnata?

L’ASSEVERAZIONE

L’asseverazione del tecnico, documento fondamentale per accedere al Sismabonus, attesta il passaggio alle classi di rischio inferiori.

Deve essere redatta e sottoscritta dal tecnico progettista strutturale.

Deve riportare la classe di rischio prima, e quella conseguita dopo l’intervento.

Il passaggio di classe, lo ripeto, è fondamentale per accedere alle detrazioni maggiori concesse dal Sismabonus.

La norma del 2017 prescriveva che il progetto per la riduzione del rischio sismico e l’asseverazione fossero contenuti nella SCIA, nella Segnalazione Certificata di Inizio Attività, al momento della presentazione allo sportello unico competente.

Quindi oltre non essere chiaro se fosse consentito o meno l’utilizzo del “Permesso di Costruire”, c’era anche l’incertezza sulle tempistiche di consegna dell’asseverazione.

Mi spiego meglio

Ipotizza di dover necessariamente autorizzare i lavori con un “Permesso di Costruire”.
Questo ha un iter di approvazione diverso rispetto alla SCIA, nella prassi comune il progetto strutturale vero e proprio viene definito e presentato solo in una fase successiva, dopo la presentazione della pratica allo sportello unico.

Quindi le domande sono:
L’asseverazione, che è legata al progetto strutturale, quando andrebbe consegnata?
All’inizio?
Alla consegna della pratica come per la SCIA?
Prima della consegna del calcolo strutturale con un’integrazione?
O prima dell’inizio lavori?

IL DM 24/2020 CHIARISCE LE REGOLE

Ci viene in soccorso il Decreto Ministeriale numero 24 del 09 gennaio 2020.

Il Decreto stabilisce le linee guida per la classificazione del rischio sismico dell’edificio, indicando le modalità con le quali si attesta che gli interventi comporteranno i miglioramenti progettati.

Ti sintetizzo i contenuti del Decreto ponendo particolare attenzione a quello che più potrebbe interessarti.

1) L’efficacia degli interventi di riduzione del rischio sismico è attestata dai tecnici che si occupano della struttura (progettazione strutturale, strutturali e collaudo statico).

2) Il progettista strutturale, oltre a tutta la documentazione già prevista dal “Testo Unico per l’Edilizia”, deve produrre un asseverazione specifica.

3) L’asseverazione deve indicare la classe di rischio prima dell’intervento, e quella che conseguirà dopo l’esecuzione delle opere.

4) Sempre nel rispetto delle norme regionali, il progetto e l’asseverazione, vanno allegati alla SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività).
Questo già lo sapevi.
Il nuovo DM finalmente chiarisce i dubbi: il progetto e l’asseverazione devono essere allegati anche in caso di “Permesso di Costruire”.

Quindi la norma ora include oltre che la SCIA anche il “Permesso di Costruire” come titolo abilitativo riconosciuto per accedere al Sismabonus.

Rimane l’altro quesito, QUANDO.

5) Come recita la nota del 2017 e come ripete anche la norma del 2020, l’asseverazione va allegata al momento della presentazione allo sportello unico.

Tempestivamente e comunque prima dell’inizio lavori, quindi all’inizio e prima che i lavori siano iniziati.

6) a opera terminata, il direttore lavori e il collaudatore statico (se nominato), devono attestare, ciascuno per le competenze, che i lavori sono stati realizzati conformemente al progetto.

Dichiarazioni che devono essere presentate allo sportello unico.

7) l’asseverazione, insieme alle dichiarazioni finali, vanno anche consegnate in copia al committente, per permettere l’accesso ai benefici fiscali.

8) l’asseverazione va redatta secondo il modello nell’allegato B del DM 24 del 2020 (che ti lascio in descrizione), compilato secondo le linee guida dell’allegato A, sempre nello stesso Decreto.

CONCLUSIONI

Per concludere, la parte che ti interessa di più è quella riguardante il “Permesso di Costruire”.
Si può utilizzare come titolo abilitativo ai fini delle agevolazioni fiscali del Sismabonus.

L’altra parte che ti interessa riguarda la tempistica di presentazione dell’asseverazione.
Anche in caso di “Permesso di Costruire”, come già lo era per la SCIA, deve essere allegata all’inizio, al momento della presentazione della pratica allo sportello unico.

In parole povere, quando consegni il progetto in Comune.

A presto.

iscriviti per non perdere le nuove pubblicazioni
Loading

grazie

Danilo Torresi

13 pensieri su “SISMABONUS con PERMESSO DI COSTRUIRE o SCIA: nuove regole e come funziona per la detrazione 2020”

  1. Chiedo scusa… Ma se la norma cita Testualmente… Tempestivamente e comunque prima dell’inizio lavori, quindi all’inizio e prima che i lavori siano iniziati…. Perché secondo lei debbo allegare lasseveraziobe in fase di consegna del permesso a costruire?… La ringrazio anticipatamente

    1. ciao Davide. Secondo la mia interpretazione è stata inserita questa dicitura per evitare fraintendimenti nei casi in cui i lavori siano iniziati prima della presentazione del Permesso di Costruire.

      1. grazie innanzitutto per la celere risposta io sinceramente la Interporto in maniera diversa anche perché non si possono iniziare lavori prima del titolo abilitati Ivo altrimenti sarebbero abusivi. Presumo invece che nel caso di intervento sottoposto a rilascio del permesso a costruire l’asseverazione possa essere redatta Anche successivamente Comunque prima dell’inizio lavori come del resto accade per la presentazione al genio civile delle pratiche strutturali….. Tuttavia la norma resta sempre poco chiara

  2. Buongiorno,
    Volevo porle un quesito sulle tempistiche di presentazione dell’asseverazione . La situazione è la seguente: è stata presentata la Dia per intervento di ristrutturazione 90 gg fa. I lavori non sono ancora iniziati per via del lockdown. In vista delle nuove agevolazioni del Dl Rilancio secondo lei è possibile presentare una variante alla Dia che includa i lavori di riduzione del rischio sismico e le relativa asseverazioni e poter accedere alle agevolazioni fiscali?

    1. ciao. Con la DIA immagino tu intenda la SCIA. La norma per ora non ammette altre interpretazioni, l’asseverazione deve essere presentata contestualmente alla SCIA o al PERMESSO di costruire. Inoltre credo che nella pratica SCIA sia stata indicata una data di inizio, al di la che non siano potuti iniziare.

  3. Salve Danilo, alcune domande.
    Grazie per l’articolo interessante.

    Siamo in Veneto.
    Se ho un edificio con 4 unità immobiliari. Demolisco e ricostruisco. Ricavo 2 unità, in 2 edifici diversi.
    Una parte resta su stesso sedime, con una leggera rimodulazione del volume (edificio a) (30 mq del piano 2 vengono “spostati” in aderenza al piano terra; non lo chiamerei ampliamento quindi).
    Una parte del volume la “sposto” su altro sedime stesso lotto (edificio b).

    caso 1) Non ampli il volume preesistente. E’ inquadrabile come ristrutturazione? Sia edificio a che b?
    Posso avere detrazioni sismabonus? E le altre (50-65)? O il 110?

    caso 2) Il volume complessivo viene ampliato leggermente. E utilizzato per rendere più grande l’edificio b.
    Posso avere detrazioni per l’edifico a?

    E’ possibile avere due autorizzazioni diverse, ovvero due permessi di costruire:
    – uno per ristrutturare due unità preesistenti, beneficiando di detrazioni quindi (per edificio a)
    – uno per nuova costruzione (edificio b), per cui si rinuncia a qualsiasi tipo di detrazione (almeno da quanto ho capito..)

    Grazie (mille)

    1. Ciao Marco. Il tuo caso è complesso e articolato ed ha bisogno di uno studio approfondito che solo il tuo tecnico per fare. Ritengo che mantenendo lo stesso volume su due edifici possa comunque essere detratta la spesa, ma comunque non ho trovato storici che confermano una situazione simile. Per quanto riguarda dividere i Permessi credo sia improbabile visto che il fabbricato di partenza è unico da come ho inteso. Il rischio è che venga tutto considerato nuova costruzione e non ristrutturazione edilizia.

  4. Buongiorno Danilo,

    ai fini della compilazione dell’ Allegato B del Sisma Bonus è sufficiente indicare il protocollo del Deposito dei calcoli al Genio Civile o bisogna aspettare l’autorizzazione sismica?

    Perché in tal caso al contrario di quanto si fa solitamente bisogna prima depositare i calcoli al genio civile e poi richiedere il permesso di costruzione al Comune.

    1. ciao Alfredo, sulla parte calcoli non sono preparato e non so dirti con precisione. Alcuni hanno sollevato il tuo stesso dubbio al quale non so rispondere con certezza

  5. Ciao Danilo
    innanzi tutto complimenti per i video molto interessanti per le spiegazioni molto chiare e fluide ti parlo sia da collega nonché da Impresa Edile.
    Ho un quesito da chiederti:
    Premesso che a novembre del 2018 ho presentato P.D.C. al Comune per demolizione e ricostruzione da un capannone per la realizzazione di ville a schiera in parte su sedime in parte allungato il corpo di fabbrica mantenendo le distanze dai confini (nella pratica non abbiamo inserito l’asseverazione del tecnico).
    Il Comune mi ha rilasciato il P.D.C. a fine febbraio 2020… subito dopo come sappiamo in seguito al COVID-19 non ho potuto iniziare i lavori ed ad oggi non ho ancora iniziato! considerato anche che il progetto ha necessità di una VARIANTE per adeguamento al Regolamento edilizio tipo (purtroppo non fatto nel primo progetto perchè uscito nel 2019).
    Durante questo periodo di fermo abbiamo preparato la Variate al PDC e nel contempo non abbiamo ancora iniziato i lavori in nessun senso. Non ho nemmeno depositato la pratica al Genio Civile ovvero alla Città Metropolitana del Comune per il deposito dei calcoli…. quindi tutto fermo.
    Domanda: Ora con la nuova variante da depositarsi potrei usufruire del sismabonus allegando alla variante l’asseverazione del tecnico?? Ovvero dopo la presentazione della variante con relazione asseverata delle strutture presentare anche la pratica per il genio civile per le opere sismiche allegando asseverazione del tecnico… faccio ancora in tempo?? ovviamente dopo segue prima comunicazione di inizio lavori. Oppure iniziare i lavori di solo sbancamento e scavo del lotto e successivamente presentare variante e asseverazione e pratica genio sempre passando per il comune??? Cosa mi consigli????
    Grazie

    1. ciao Vincenzo. La norma dice che l’asseverazione va presentata contestualmente al titolo e comunque prima dell’inizio lavori. Alcuni ingegneri mi hanno riferito che nell’asseverazione deve essere riportato un estremo di deposito al Genio Civile, quindi producibile solo al momento della presentazione del calcolo. Non ho trovato ancora risposte chiarificatrici da parte dell’Agenzia, ma per ora direi che la linea di demarcazione è l’inizio lavori, non deve essere iniziato nessun lavoro e nemmeno comunicata la data di inizio. Però questo sono mie supposizioni che non trovano ancora conferme né smentite. Consiglio: verifica bene con l’ingegnere che presenterà il calcolo strutturale e presumibilmente, redarrà l’asseverazione.

  6. Ciao Danilo,
    ho una situazione simile, scia presentata il 26/06/2019 con data inizio lavori indicata nella scia il 30/09/2019, l’asseverazione è stata presentata in data 02/09/2019,quindi prima dell’inizio lavori, secondo te l’asseverazione può essere considerata tempestiva?
    Grazie mille

    1. ciao Christian. Personalmente ritengo sia in ritardo quando si parla di SCIA, però molti colleghi procedono lo stesso anche con quelle tempistiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *