PROROGA SUPERBONUS 2023 ultime notizie – anche per le unifamiliari ma ridotto al 100 per cento


Le ultimissime indiscrezioni dal Governo sulla proroga del Superbonus al 2023, riguardano l’intenzione di ridurre l’aliquota al 100 per cento e non più all’80.


REMINDERS

Se vuoi approfondire il Superbonus e gli altri bonus per la ristrutturazione della tua casa, così da evitare gli errori più banali, puoi accedere all’area riservata che ho creato, dove pubblico video esclusivi nei quali rispondo alle domande che mi inviate via email o nel modulo contatti. Con l’abbonamento a “Bonus ristrutturazione casa” avrai a disposizione ore di video, in continuo aggiornamento, con nuovi contenuti e nuovi casi ogni settimana.

Iscriviti al canale Telegram per ogni nuovo avviso.

Le informazioni ed i pareri contenuti in questo Sito, così come quelli forniti in risposta ai commenti scritti sotto agli articoli, sono consigli e opinioni personali e sono espressi in forma acritica sulla base delle informazioni fornite. Valgono in via generale e non costituiscono un giudizio di merito. Non sostituiscono lo studio specifico dei documenti e dello stato dei luoghi da parte di un professionista, sempre necessario per ogni caso.

Dalle dichiarazioni del centrodestra avvenute a cavallo delle elezioni del 25 settembre 2022, il Superbonus doveva essere sostituito e i bonus dovevano essere riordinati, consentendo una percentuale non più alta dell’80%. Questo per rendere sostenibile nel lungo periodo le agevolazioni.
Ora che il Governo è formato ed è al lavoro sulla manovra economica di fine anno, si comincia a parlare di un’aliquota del 100% e non più dell’80.
Per la precisione il Governo cerca di capire di quanto si possa abbassare la percentuale del 110% in base alle risorse a disposizione, tentando di mantenerla più alta possibile..
Da una parte ci sono i conti da far quadrare, dall’altra la tentazione di non abbassare troppo la percentuale.
La nuova ipotesi è quindi di un 100% limitato alle “prime case” e con il reddito come discriminante. Includendo inoltre nella proroga anche le unifamiliari che attualmente sono fuori dal Superbonus se non è stato raggiunto un SAL 30% al 30 settembre.
Contestualmente c’è da rilanciare il mercato della cessione del credito.
In tutto questo c’è anche la questione “esodati” del 110% e i cantieri già avviati, per i quali le promesse erano (e sono ancora) che sarà mantenuta la normativa attuale.

grazie

Danilo Torresi

Vuoi ristrutturare la tua casa?
Qui trovi le informazioni che ti servono.

Iscriviti e scarica i modelli che ho messo a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivio Articoli

Categorie

ABBONATI

Seguimi anche su

Gli ultimi Articoli

RSS Gli ultimi Podcast